La voglia di guardare insieme a mia figlia oltre… a riveder le stelle

Testimonianza di una mamma di Oltre

IMG_00000134_editSono la mamma di una ragazza di 21 anni che soffre da circa un anno e mezzo di anoressia nervosa.
Anche io come tante di loro ero a conoscenza di questo disturbo di striscio,avendo letto da qualche parte qualcosa o perchè qualcuno che conoscevo appena ne soffriva. Vi racconto un fatto accaduto anni fa nella cittadina dove abito che mi sconvolse all’epoca lasciandomi tanti “perché”,ma poi come tutte le vicende il tempo passa e cadono nel “dimenticatoio”tipico della vita che scorre…
C’era una donna ,una bellissima donna,che incontravo tutte le mattine mentre portavo il mio cane a fare due passi ..camminava freneticamente come se inseguisse qualcuno o,pensandoci adesso, fuggire da qualcosa! Non la conoscevo ma sorrideva al mio cane e a me…una sensazione strana provavo ogni volta che ci incrociavamo. Nel tempo lei era sempre più magra ,più spenta…. poi venni a sapere che soffriva di anoressia e ancor peggio che era una MAMMA e aveva una figlia adolescente!
Ho parlato di lei al passato perchè questa donna non c’è più non ha vinto la sua battaglia e quello che più mi sconvolse è stato il pensiero di quella bambina che ha vissuto la vicenda al contrario rispetto a come la stiamo vivendo noi!

Perché ve la racconto non lo so....

Perchè ve la racconto non lo so,ma da quando in questa situazione spesso mi ritorna in mente questo fatto e tutti i perchè che mi affollavano la testa,rispondendomi in modo riduttivo come tanti che non sanno e si rifugiano in luoghi comuni spesso per comodo e ignoranza.
Adesso ci sto dentro con mia figlia in questo maledetto tunnel nella speranza di vederne la fine.
All’inizio come tutti credo,non ti rendi conto ..tua figlia non si piace nonostante riceva i complimenti della gente e tu pensi sia l’età
le dici che sbaglia ,ma che è successo anche a te e tutto si supera,ma a lei non importa quello che tu pensi sei la mamma cosa potresti dirle altrimenti?!
Poi comincia a fare sport..niente di male,fa bene sei contenta!
Poi elimina le schifezze,i cibi “spazzatura”..e vai..finalmente ti ha ascoltata!
Poi ha il ragazzo..quindi la sua autostima cresce..PIACCIO!
Poi?????….che succede perde il controllo o meglio per me lo aveva perso..per lei era il CONTROLLO!

Panico!

Panico! Vai dal medico di famiglia preoccupata e lui ti dice che non deve andare oltre il peso raggiunto altrimenti si può pensare di parlare di anoressia nervosa anche se di solito colpisce in un età inferiore in piena adolescenza.
E lì il ricordo della donna che non c’è più…
Comincia il calvario che molti sanno. Il padre ed io (siamo separati da 12 anni) abbiamo cominciato a cercare specialisti e cliniche tra i più accreditati e la diagnosi è stata inequivocabile :ANORESSIA RESTRITTIVA NERVOSA.
Ogni posto a cui ci siamo rivolti era sempre la stessa storia una sorta di copia/incolla a cui rimanevamo impotenti quando ci dicevano che il fatto di essere maggiorenne lasciava a lei la decisione di essere aiutata.
Il senso di impotenza quindi cresceva a dismisura e non parliamo della disperazione! Il fatto di non poter condividere la difficile quotidianità con il padre per me è stato straziante;dover riferire a lui nei dettagli tutti i comportamenti di nostra figlia era come amplificare il dolore che provavo a dismisura.Vivevo vicino a una figlia che non riconoscevo più,che mi diceva cose allucinanti vomitandomi addosso colpe e responsabilità che hanno messo in dubbio tutto il mio operato di mamma soprattutto dopo la separazione.

I miei sensi di colpa si sono sempre resi più forte

I miei sensi di colpa si sono resi sempre più forti: DOVE HO SBAGLIATO? COSA NON HO FATTO O FATTO ?
Ci siamo affidati a psicoterapeuti e messi a confronto,ma arrivavamo sempre a un punto di stallo oltre il quale non si andava.
Siamo andati avanti così per un anno quasi , poi l’incontro con gli specialisti del centro FANPIA!
Praticamente disperati dell’ennesimo posto a cui ci stavamo rivolgendo e un po rassegnati, si è aperto uno spiraglio e abbiamo cominciato a rivedere un po di luce in fondo al tunnel in cui eravamo!
Siamo nel gruppo da poco,ma è la prima volta che la mia ragazza trova un posto dove accetta di andare senza costrizioni o minacce,dove sono riuscita a non vivere questa esperienza in modo strettamente “individuale”ma con condivisione e soprattutto ho provato una felicità immensa nel vedere che alcuni di loro ci lasciano, percepire quella luce negli occhi non solo nei ragazzi che ne stanno uscendo ma anche delle mamme e dei papà che ritornano a vivere con loro!
Sono sicura che questa esperienza, pur dura, mi arricchirà, mi cambierà e troverò insieme a mia figlia la voglia di guardare OLTRE…A RIVEDER LE STELLE!
Grazie a tutti
P.S.:un ringraziamento speciale al mio compagno che sta condividendo con noi questo momento non facile in modo esemplare..
scusate ma glielo devo!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Testimonianze e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a La voglia di guardare insieme a mia figlia oltre… a riveder le stelle

  1. roberta ha detto:

    É dura questi giorni ma non perdiamo la speranza! Mi sento impotente..ancora molte nuvole coprono le stelle spero che il soffio del vento della vita le spazzi via…per sempre! auguro a tutti di poterle rivedere…insieme e presto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...