Rendi cosciente l’inconscio, altrimenti sarà l’inconscio a guidare la tua vita, e tu lo chiamerai destino – Introduzione (1/6)

Nicole, unCopertinaa ragazza che ha concluso il percorso di cura presso il nostro centro (“Oltre a…riveder le stelle), lo scorso giugno ha sostenuto gli esami di stato a conclusione del ciclo scolastico della scuola secondaria. Come tema della sua tesina ha deciso di parlare della sua malattia. Con il suo consenso abbiamo deciso di pubblicarla. Un testo, molto emozionante, che ci permette di vedere l’anoressia con i suoi occhi. Oltre l’introduzione sono sei capitoli che pubblicheremo in sei momenti diversi per poter meglio valorizzare il suo scritto.

Oggi inizieremo con la sua Introduzione

INTRODUZIONE

Ho scelto di trattare questo argomento in quanto mi ha toccato da vicino e ho vissuto tutte le sfaccettature di tale malattia, ce l’ ho ancora nella pelle e nel cuore. Non è facile da confessare, ti vergogni ad essere anoressico, anche se in realtà l’anoressia è un grido di dolore estremo, ma muto. Ho pensato che data la sua gravità , la poca conoscenza e la poca importanza che le viene data dalla società, fosse giusto parlarne per farla comprendere meglio a chi non l’ha vissuta in prima persona. Ho deciso di non soffermarmi troppo in definizioni scientifiche o teoriche, ma più che altro sul perché si scatena questo mostro chiamato “Anoressia” e cosa provoca nei sentimenti, nell’ umore, nella vita e nell’ organismo delle persone che ne sono colpite. Vorrei precisare col dire che essa, come tutti i Disturbi del Comportamento Alimentare è una patologia complessa che riguarda solo apparentemente un disagio del corpo e della funzione alimentare, ma ha piuttosto a che fare con uno stato di malessere e difficoltà profonda della persona. L’anoressia ancora oggi colpisce prevalentemente il sesso femminile, circa il 90%, pur essendo in grande aumento negli uomini, insorge nella maggioranza dei casi durante l’adolescenza, anche se l’età di esordio della malattia si sta abbassando e, attualmente, si riscontrano sempre più casi nell’ infanzia e nella pubertà. Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in Contributi, Testimonianze | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

“Non più briciole” – Alessandra Arachi

Recensione di Elisa Catraro

CopertinaNonPiùBriciole“[…] Comincia con tre polpette al sugo questa storia. Tre polpette di carne di vitello vomitate nel bagno di casa con la porta spalancata. “Anoressia mentale”, sarebbe stata la diagnosi psichiatrica.[…]
Avevo 17 anni quando lessi per la prima volta queste righe. ‘Briciole’, con il suo racconto preciso di un sintomo così invalidante, eppure così affascinante, mi introdusse alla clinica dei disturbi alimentari e portò l’anoressia e la bulimia all’attenzione dell’Italia, soprattutto quando il libro divenne un film trasmesso in prima serata su RaiUno.

“Eravamo a tavola quando Loredana si è alzata di scatto lasciando a metà il suo piatto di spaghetti, senza dire una parola. Era il 12 Ottobre, un venerdì. Nulla è più stato uguale, dopo”.
Ventanni dopo Arachi scrive ‘Non più briciole’, un romanzo che non ha lasciato in me lo stesso entusiasmo del precedente ma che apre sicuramente a varie riflessioni. Questa volta la protagonista è una madre, la cui vita diventa un’unica frenetica ricerca della causa e della ‘soluzione definitiva’ del disturbo alimentare della figlia. Con uno stile che permette una lettura leggera, veloce e mai impegnativa, Arachi racconta non solo di vomito, ossa e ritiro sociale, ma anche di quanto sia prolifera la letteratura in merito, passando dalle autobiografie di ex pazienti alla più che accessibile e chissà quanto attendibile quantità di informazioni sul web. Interessante è la decisione di inserire nella storia romanzata anche un TSO (trattamento sanitario obbligatorio), buttando così lo spunto per una riflessione sul ricovero forzato in caso di un soggetto affetto da disturbo alimentare. Continua a leggere

Pubblicato in Contributi | Contrassegnato , , , , , , , , , | 1 commento

Mia figlia anoressica!

Immagine_MiaFigliaanoressicaSono il Padre di una ragazza di 15 anni, ragazza molto dolce, solare, altruista e sociale con tutti. Affetta da anoressia nervosa restrittiva, da un anno è caduta nel vortice della malattia. Due ricoveri, il primo a Torrette di Ancona (dimessa dopo un mese), il secondo al Reparto di Neuropsichiatria Infantile-SOD del Salesi di Ancona. Alimentata con sondino gastrico ed un grande lavoro di psicologi, psichiatri e nutrizionisti, ha fatto grandi passi verso la “guarigione”, ma la strada da percorrere è ancora molto lunga.
Vorrei parlarvi di noi genitori, di come ci siamo sentiti spaventati, spaesati, soli , abbandonati, specialmente quando, dopo il primo ricovero, vedevamo nostra figlia peggiorare. I dottori ci avevano appena informato dei rischi a cui andavamo incontro qualora nostra figlia non avesse cambiato rotta.
Parenti, familiari, colleghi di lavoro…. chi mi stava vicino diceva la sua. Invece,mi rendevo conto di quanto poco sapessero della malattia…. frasi scontate tipo “…falla mangiare quella figlia, non vedi che è pelle e ossa……. se tua figlia si è ridotta così è perché non gli siete mai stati vicino ed è colpa vostra,……. forzatela a mangiare, …… possibile che una ragazzina cosi grande non capisca che deve mangiare di più?…. ecc.”. Frasi che mi facevano sentire in colpa, ero sempre più distaccato da tutti. La mia mente era afflitta. Dentro di me cercavo risposte su come, dove, cosa fare. Insieme a mia moglie ho iniziato ad andare a convegni che parlavano dei DCA. Ho incominciato a capire di quale malattia mia figlia fosse stata colpita e di quanto sarebbe stata difficile la sua guarigione. Finalmente un sollievo: “da questa malattia si guarisce”. Continua a leggere

Pubblicato in Testimonianze | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Tanti auguri a me!!!!

Testimonianza di una ragazza uscita dal tunnel dell'anoressia

FotoAuguriAme2“Un applauso va a me!
Che ben 2 anni fa, in questo periodo feci amicizia con questa malattia.
Eravamo diventate migliori amiche al punto che diventammo una cosa sola.
All’inizio mi sentivo come DIO, avevo tutto sotto controllo e IO ero forte.
Con il passare del tempo però capii che non ero forte, anzi, ero la debolezza in persona, e la malattia che era mia amica?
Beh, lei si approfittò della mia debolezza e diventò cattiva, mi comandava e prese addirittura in mano la situazione. IO facevo ciò che lei mi diceva.
Avevo paura di tutto e tutti, l’unica cosa che non mi spaventava minimamente era la morte, perchè sapevo che lì avrei potuto trovare la serenità, la tranquillità che la mia testa non mi dava.
Un giorno, mi feci coraggio e chiesi aiuto!
Ho passato ricoveri, flebo, bugie, svenimenti, pasti buttati, lacrime, disperazione, attacchi d’ira… (non sto a dire tutto, sarebbe davvero poco piacevole). Adesso? Continua a leggere

Pubblicato in Testimonianze | Contrassegnato , , , , , , | 5 commenti

Considerazioni sul convegno “UPDATE DCA”

UPDATE DCAI soldi non mancano. I soldi non sono un problema”. Suona quasi incredibile, troppo bella, una frase del genere, pronunciata in pubblico in una circostanza ufficiale da un rappresentante delle istituzioni, in un periodo di vacche magre come questo che stiamo vivendo. Non credevano alle proprie orecchie, gli operatori sanitari e i genitori convenuti nella sala di rappresentanza della Fondazione Cassa di risparmio di Fano in occasione dell’incontro organizzato dalla sezione Marche dell’associazione di genitori Mi Fido Di Te onlus di Todi e dall’associazione Heta di Ancona, per fare il punto sulla situazione dei disturbi del comportamento alimentare. A pronunciare quelle parole magiche, che hanno aperto il cuore di molti alla speranza, è stato il direttore del servizio sanità della Regione Marche, Dr. Piero Ciccarelli, invitato a illustrare i punti principali della delibera sui Dca recentemente approvata dalla Giunta regionale. L’importante provvedimento, che punta a colmare una grave lacuna del sistema sanitario marchigiano, delineando una rete di servizi diffusi sul territorio (a partire dagli ambulatori specialistici multidisciplinari), attende ora la linfa vitale di adeguate risorse finanziarie, per poter dare risposte efficaci al dramma che, insieme alle loro famiglie, quotidianamente vivono migliaia di giovani e giovanissimi affetti da anoressia bulimia e altri disturbi. Dunque, secondo il dottor Ciccarelli, le risorse finanziarie non mancherebbero: il che è già una buona, buonissima notizia. Perché essa si traduca in atti concreti, però, occorre che la politica (il nuovo governo regionale che uscirà dalle elezioni del prossimo 31 maggio) disponga di conseguenza. Si vedrà. Ma una cosa è certa: sarà difficile per chiunque, a questo punto, fare marcia indietro. Ne sono pienamente convinti i genitori e le associazioni che con la loro azione di pressing sulla Regione hanno già ottenuto il risultato dell’approvazione della delibera di indirizzo.

Continua a leggere

Pubblicato in Contributi | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Specchio

SpecchioUna canzone, “Specchio”, e il relativo video. Anche la musica cosiddetta leggera affronta il tema dei disturbi del comportamento alimentare, in particolare l’anoressia. Lo specchio – questa meravigliosa/terribile invenzione che ci mette di fronte a noi stessi come siamo, o meglio, come non siamo e vorremmo essere – è al centro del singolo dei Subsonica e dell’interessante clip, anticipazione di un cortometraggio che verrà presentato il 5 giugno al cinema.
“Specchio sii più gentile oggi se ce la fai / Ho l’anima fuori servizio e un vizio / Di forma di sostanza e non passa mai / Sai che lo so / Specchio due dita in gola e mi riconoscerai / potrei far meglio ma lo / sai qui tutto si è ristretto / La gioia il tempo lo spazio il sentimento / sai non è tutto perfetto / si tira dritto sfiorando il precipizio / Specchio questa mattina quanti anni mi dai / il cuore non mi parla spesso ha smesso / Spento e riacceso non funzionerà mai / Sai che lo so …”.
Così recita il testo del brano.

Continua a leggere

Pubblicato in Contributi | Contrassegnato , , , , , , , , , | 1 commento

Approvata la Delibera regionale sui DCA

I disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, obesità ecc.) escono finalmente dal chiuso dei drammi personali e familiari, ed entrano a pieno titolo nel novero delle patologie per la cui prevenzione, diagnosi e cura s’impegna specificamente il Servizio Sanitario. La Giunta regionale delle Marche, nella riunione di lunedì 30 marzo, ha infatti approvato la delibera in tal senso. Fondamentale, per raggiungere questo risultato, è stata la mobilitazione delle associazioni dei genitori, dei volontari e degli operatori partita nel giugno dello scorso anno con l’assemblea pubblica svoltasi ad Ancona, e culminata nel gennaio scorso con la formale richiesta alla Regione di un provvedimento specifico. L’atto approvato dalla Giunta prevede la realizzazione sul territorio regionale di una rete integrata di strutture e servizi per la prevenzione e la cura dei Dca. Cardine di questa rete saranno gli ambulatori specialistici: in una prima fase ne sono previsti tre, rispettivamente nelle Aree vaste di Pesaro, Ancona e Fermo (dove già operano strutture che saranno consolidate e potenziate), ai quali si aggiungerà successivamente un quarto centro nell’Area vasta di Macerata. C’è una moderata soddisfazione tra coloro che sono i destinatari del provvedimento, nella consapevolezza che si tratta non di un punto di arrivo, ma solo di un primo, pur importantissimo, passo. È quanto emerge dal commento di Geremia Medori, dell’associazione “i genitori di Oltre”, una delle più attive nella mobilitazione e nell’azione di pressing sulla Regione.

Continua a leggere

Pubblicato in Contributi | Contrassegnato , , , , , , , , | 2 commenti